Con Youngle sostegno in Rete per adolescenti gestito da ragazzi

See on Scoop.itPsicologia in pillole

La mia opinione: da come è descritto, youngle sembra ricalcare l’idea di peer-education che ben avevamo descritto molto tempo prima con il nostro Programma I-KIWI, ritrovabile su spazio-psicologia.com tra i progetti formativi.

Alla base vi è un’idea vincente: da chi impara più facilmente qualcosa un adolescente? a chi chiede più facilmente aiuto?

La risposta è semplice, ai coetanei. E’ sulla base di questo principio che ha senso formare un gruppo di pari che possa agire da base per attivare la peer-education, all’interno della quale, ognuno può essere di supporto a qualcun altro, una volta formato e informato.

L’uso dei social network? assolutamente vincente. Se si vuole che i ragazzi si aprano e parlino, bisogna uscire dagli studi e dagli ospedali e persino dalle classi scolastiche, andare oltre le nostre scrivanie e parlargli attraverso gli stessi mezzi che loro conoscono. In questo senso, usare i social network dove trascorrono gran parte del loro tempo, non può essere altro che vincente.

Complimenti al Ministero e speriamo che l’iniziativa decolli!

 

Tratto dall’articolo: “Un servizio gratuito di ascolto, aiuto e counseling on-line effettuato tramite i più comuni social network. (Con Youngle sostegno in Rete per adolescenti gestito da ragazzi: Welcome to the Youngle!”

Continua a leggere l’articolo

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi saperne di più sulla psicologia? iscriviti alla newsletter mensile.

[yks-mailchimp-list id=”cc95876362″]

See on www.tempieterre.it

email

Permanent link to this article: http://spazio-psicologia.com/pvz/nt-p/con-youngle-sostegno-in-rete-per-adolescenti-gestito-da-ragazzi/

Vuoi lasciare un commento?

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento