Stampa Pagina

Sessuologia Clinica

Un po’ di storia..

La sessuologia è la disciplina che studia gli aspetti psicologici, medici e socioculturali della sessualità.

Il suo campo d’azione è molteplice: su un versante c’è l’obiettivo educativo e di prevenzione, ovvero il fornire informazioni soprattutto ai più giovani sul tema della sessualità, sull’altro versante c’è invece il mondo della terapia delle disfunzioni sessuali, che possono avere un’eziopatogenesi (origine) sia psicologica che organica.

La sessuologia clinica, nasce come ancella della ginecologia e dell’andrologia e soltanto dopo un cinquantennio di studi scientifici, transita in una dimensione di autonomia scientifica. I pionieri si possono considerare Master e Jonson. Essi seguivano la coppia sotto tutti gli aspetti, cercando con terapie brevi comportamentali, tecniche ed esercizi ben precisi, di risolverne le disfunzioni sessuali che disturbavano il suo buon andamento ed equilibrio.

Il lavoro di Master e Jonson è stato rivisto, ampliato e ulteriormente analizzato da molti altri sessuologi tra i quali, in particolare, da Helen Singe Kaplan, la quale ha cercato di arricchire ulteriormente il bagaglio tecnico sia da un punto di vista psicologico che psicofisico ed ha elaborato la nota terapia mansionale integrata, tutt’oggi ancora utilizzata.
In Italia i primi specialisti in sessuologia si ebbero con la fondazione della Società Italiana di Sessuologia Clinica nel 1977. Ad essa accedevano e accedono ancora solo medici e psicologi, preferibilmente specializzati in Psicoterapia. La disciplina sessuologica è stata importata dall’America in Europa da Willi Pasini e Giorgio Abraham, che insieme operavano a Ginevra.

Come opera la sessuologia

La sessuologia, essendo una disciplina complessa che afferisce ad altre discipline, come la medicina, la psicologia, l’antropologia, ecc è il risultato di un lavoro di equipe. Idealmente l’equipe dovrebbe essere composta da varie specializzazioni, ognuna della quali ha la sua importanza per aiutare chi richiede un intervento: Il ginecologo, l’urologo, l’andrologo e lo psicologo.

Quando un paziente si presenta per un qualsiasi disturbo, è necessario fare un’analisi attenta e dettagliata del suo specifico problema, così da poter richiedere l’eventuale collaborazione delle altre figure professionali e poter così dare una risposta completa ed efficace, al fine di risolvere tempestivamente e definitivamente il disturbo.

Il primo intervento da eseguire è quello sul piano biologico, per escludere eventuali problematiche organiche che possono essere causa del problema. Il sessuologo, se lo ritiene opportuno, può richiedere a questo scopo la consulenza del medico più idoneo, ovvero dello specialista in ginecologia, urologia o andrologia.

Il secondo intervento, una volta accertato che non ci siano disfunzioni fisiologiche, è quello investigativo. Esso avviene a livello intrapsichico individuale, attraverso un colloquio con il singolo o con ciascun componente della coppia; seguito dal piano relazionale di coppia, attraverso un colloquio di coppia, all’interno del quale valutare anche il piano relazionale allargato all’ambiente in cui il soggetto vive (famiglia d’origine) e ulteriori fattori, come le morali e i valori sociali, uniti alla comunicazione non verbale che la coppia esplicita in seduta.

Per dare una risposta adeguata e iniziare la terapia, occorrono in media tre sedute; infatti la formula da adottare con il paziente da parte del terapeuta è composta di tre fattori: ascoltare/accogliere, capire, riformulare/rispondere, cioè si deve avere un quadro preciso delle disfunzioni in esame prima di iniziare il percorso terapeutico.

Queste prime sedute, che precedono la terapia vera e propria, costituiscono la fase di consulenza. Al termine di questa prima fase viene rielaborato e restituito quanto è emerso e viene proposto al paziente un potenziale percorso di terapia con tempi, modalità e durata prevista, che il paziente può scegliere o meno di accettare.

Il trattamento dei disturbi sessuali consta di strategie di cura centrate in gran parte su pratiche corporee sessuali e psichiche della coppia. In questi disturbi si cerca di non usare la farmacologia, poiché essa stessa può essere causa delle disfunzioni, rinforzando l’ansia sottostante e contribuendo a mantenere il disturbo.

La farmacologia viene somministrata solo quando ritenuta strettamente necessaria dal medico dell’equipe.

Le prescrizioni fatte alla coppia vengono effettuate a casa, tra una seduta e la successiva, e nello studio si verificano gli stadi di avanzamento. La terapia sessuologica dunque prevede una collaborazione attiva del paziente nell’effettuare a casa le prescrizioni date in seduta.

 

Vuoi contattare la dott.ssa Laura Duranti? Credi di necessitare di una terapia sessuologica? Vuoi fissare un appuntamento?

Compila il form qui sotto o contattala chiamando il numero 349.0066725.

 

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Il tuo messaggio

Accetto l'informativa sulla Privacy e il Consenso Informato (visibili qui http://wp.me/P3gtOf-o)

Inserisci i caratteri che vedi nell'immagine nella riga sottostante:
captcha

email

Permalink link a questo articolo: http://spazio-psicologia.com/consulenza-psicologica/sessuologia-clinica-e-sex-therapy/

Vuoi lasciare un commento?

Loading Facebook Comments ...