↑ Torna a Informazione

Stampa Pagina

Risorse di auto aiuto

auto-aiutoSelf-help letteralmente significa auto-aiuto ed è un’espressione che, soprattutto negli Stati Uniti, fa riferimento ad un diffuso movimento culturale e di mercato basato su risorse (gratuite e a pagamento) indirizzate a chi desidera  affrontare le proprie difficoltà, sia in circostanze specifiche (ad esempio per affrontare problematiche psicologiche), sia nella vita in generale (es. migliorare il public speaking).

Per auto aiuto si intendono tutte le azioni intraprese da persone comuni (non professionisti della salute) per mobilitare le risorse necessarie a promuovere, mantenere e ristabilire la salute degli individui e della comunità (OMS, 1987)

Le risorse di auto-aiuto per diversi problemi sono da alcuni anni in forte espansione e sono disponibili sotto forma di manuali, gruppi di riferimento, forum e indicazioni reperibili sui siti internet.

Quando si utilizza risorse di auto-aiuto da fruire autonomamente, si utilizza di norma un manuale di trattamento o di un protocollo, seguendo step-by-step le istruzioni contenute in un libro o tramite un sistema basato sul web.

Gli obiettivi sono sia educare gli individui sulla natura del loro disturbo, sia dotarli di competenze specifiche per superare i loro problemi. Vi sono diversi tipi di interventi: dall’auto aiuto puro a trattamenti che possono coinvolgere diversi gradi di professionalità (auto-aiuto guidato).

VANTAGGI

  • Praticità nella fruibilità – seguire le indicazioni di un sito, consultare un manuale, confrontarsi all’interno di un forum sono cose che possono essere inserite comodamente nelle attività quotidiane tra i ritagli di tempo
  • Risparmio economico – la maggior parte delle risorse di auto-aiuto sono gratuite e consentono quindi di evitare la spesa economica di una terapia strutturata
  • Attivazione autonoma delle risorse individuali – risolvere un problema da soli rinforza positivamente l’autostima ed il senso di autonomia nei confronti della risoluzione dei problemi
  • Minore percezione della gravità di “malattia” – frequentare un gruppo di auto-aiuto rispetto ad una psicoterapia tradizionale può far sì che ci si senta “meno gravi”, rispetto a chi richiede un aiuto specialistico e il discutere con altri di un problema condiviso può far sentire più “normali” e meno soli.

SVANTAGGI

  • Errore nell’autodiagnosi – in assenza di una visita specialistica, è possibile sottostimare o sovrastimare alcuni sintomi, ritardando la risoluzione del disturbo.
  • Aumento della frustrazione in caso di fallimento – chi soffre di un disturbo comincia spontaneamente a cercare di risolvere il suo problema fin da quando esso si presenta, cercando di informarsi e di trovare una soluzione efficace; gli insuccessi di tali tentativi generano frustrazione e quest’ultima porta nel tempo all’evitamento e alla riduzione di ulteriori tentativi. In questo senso, seguire le indicazioni di auto-aiuto come unica risorsa terapeutica, può far peggiorare questa spirale distruttiva.
  • Prolungamento dei tempi di risoluzione – in assenza di un controllo da parte del terapeuta si potrebbe non avere percezione oggettiva della propria problematica, dilatando così anche di anni la risoluzione del problema e dunque anche la sofferenza che questo comporta.
  • Drop-out – in assenza di controllo da parte di un terapeuta, è facile che incontrando difficoltà nel seguire il percorso di auto-aiuto, non si riesca a comprendere come superarle e come attivare utilmente le proprie risorse e si abbandoni il percorso terapeutico.

In sintesi, i supporti di auto-aiuto possono essere consigliati nel loro utilizzo, dopo aver accertato con precisione la diagnosi. Per un utilizzo sensato è utile darsi un tempo ( ad esempio 6 mesi ) per raggiungere l’obbiettivo; superato tale tempo dovrà essere valutato il riferimento ad un aiuto terapeutico esterno.

Su Spazio Psicologia potete trovare risorse utili per informarvi sulle professioni della psicologia e sulle tematiche psicologiche attraverso i nostri articoli, formarvi attraverso i gruppi psicoeducativi e le risorse di autoaiuto online, valutare alcune vulnerabilità a disturbi attraverso i test psicologici e chiedere un aiuto specialistico per una consulenza psicologica, in studio o online.

Potete inoltre trovare indicazioni sui gruppi di auto-mutuo-aiuto attualmente esistenti in Italia.

email

Permalink link a questo articolo: http://spazio-psicologia.com/informazione/risorse-di-auto-aiuto/

Vuoi lasciare un commento?

Loading Facebook Comments ...