Sono infelice perchè sono magra

vero saluteBuon giorno dottoressa,

ho 75 anni e sono infelice perché sono magra. Sono sempre stata magrissima e sin da bambina ho avuto questo complesso di non poter ingrassare.  Ho sempre dimostrato dieci anni di meno, ma non m’importava, io volevo dei bei fianchi, delle belle spalle rotonde, seni grandi e cosce piene. Ho fatto di tutto per ingrassare, sono stata da molti specialisti, ho mangiato da star male, ma la bilancia non andava mai sopra i 42 chili, per 1,58 di altezza. Facevo l’impiegata e quando ero giovane non c’era la possibilità di andare in palestra e non c’erano i soldi per lo sport. A 24 anni ho avuto un bambino di tre chili e mezzo, l’ho allattato fino al quarto mese, ma il mio peso non saliva. In quel periodo della mia vita non m’importava più del mio fisico, ero felice di quel che era mio figlio. Poi a 40 anni mi sono ammalata di depressione. Mio marito mi aveva lasciato, mio figlio ormai era un ragazzo con i suoi problemi e di me non capiva nulla. Ho cominciato con gli psicofarmaci. Pesavo 38 chili e neanche i 4 anni di psicoterapia riuscivano a farmi sentire meglio, a trovare un altro scopo nella vita. Odiavo sempre il mio corpo, anche se avevo un bel viso con grandi occhi e tanti capelli neri. Andavo a letto con diversi uomini, che poi mi lasciavano quando parlavo loro della mia depressione e dei miei problemi. A 54 anni mi hanno dato il prepensionamento, poi ho incontrato l’amore e mi sono sentita per la prima volta bella e “donna”, pur pesando 45 chili. Sono passati 20 anni, ho avuto due nipoti che ho accudito con amore e cura e col mio compagno non c’è più sesso, ma ci vogliamo molto bene. Eppure sono tanto depressa, perché non riesco a ingrassare. Il mio psichiatra dice che sono una narcisista bipolare, ma mi dà dei farmaci così pesanti che io non prendo. Preferisco il mio Tavor che mi fa dormire e calma le mie angosce. Ho tanta paura che il mio uomo mi lasci per una donna bella, formosa e allegra e allora sarebbe proprio la fine di tutto. Grazie per aver letto questa lettera e della risposta che vorrà darmi.

Barbara Barbieri

 

Cara Barbara,

dalla sua lunga lettera si evince quante vicende abbia dovuto superare in tutti questi anni, quante emozioni abbia sperimentato, non sempre positive. Da quanto scrive, è da qualche anno in terapia presso un medico psichiatra. I farmaci che lui le ha prescritto per affrontare il suo malessere però le risultato tanto “pesanti” da preferire di non assumerli e permanere così in questa situazione di disagio. Gli psicofarmaci non sono tutti uguali e a volte gli effetti collaterali, sebbene nei farmaci di nuova generazione siano notevolmente ridotti, possono essere spiacevoli da sopportare, soprattutto all’inizio della terapia. Non assumere una terapia che le è stata prescritta in seguito ad una diagnosi operata da un medico specializzato e competente, non la aiuta di certo. Al posto di evitare di assumere la terapia, sarebbe più utile per lei provare a discutere di questi effetti spiacevoli col suo psichiatra e trovare con lui una soluzione alternativa al problema, magari sperimentando farmaci che non le risultino altrettanto “pesanti”. Da ciò che scrive, credo le sarebbe utile usufruire di un supporto psicoterapeutico, in accordo col suo psichiatra, che la aiuti a capire perché per lei è così importante questa lotta alla magrezza e perché per lei una donna non può esser tale seppur avendo poche forme e basso peso.

Come le ha dimostrato infatti il suo compagno con la sua costante presenza, non sono chili o forme in più che fanno realmente la differenza nella scelta del partner, né che determinano la buona riuscita di una relazione. Le consiglio quindi di approfondire ed indagare meglio questi aspetti attraverso un percorso terapeutico che la aiuti a capire cosa si cela dietro queste emozioni spiacevoli, dietro questi pensieri e queste paure.

 

email

Permalink link a questo articolo: http://spazio-psicologia.com/dicono-di-noi/vs/sono-infelice-perche-sono-magra/

Vuoi lasciare un commento?

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento